Il ruolo dell'accompagnatore

In che modo puoi essere d’aiuto

Il 50%di coloro che hanno più di

75 anni soffrono di ipoacusia

L’ipoacusia  colpisce milioni di persone

Milioni di persone in tutto il mondo soffrono di ipoacusia Mentre il suo impatto è sentito soprattutto dagli anziani (il 50% di quelli con più di 75 anni presentano la patologia), l’ipoacusia è in aumento tra i “baby boomer” e i giovani allo stesso modo.

I motivi per la perdita dell’udito sono molti, ma l’età avanzata è la causa più comune. Andando avanti con l’età si possono verificare danni ai nervi all’interno dell’orecchio che trasmettono il suono al cervello. Questo danno è chiamato perdita dell’udito neurosensoriale. Sfortunatamente, il danno a questi nervi è definitivo, quindi la perdita dell'udito legata all'età è irreversibile.

Le buone notizie sugli apparecchi acustici:|

  • Possono arrestare una perdita dell'udito o impedire che peggiori
  • Sono in grado di trattare con successo l’ipoacusia nella maggior parte dei casi
  • Gli studi dimostrano che le persone sono estremamente felici con i loro apparecchi acustici

Ipoacusia - non a me!


Una reazione frequente nelle persone con ipoacusia è la negazione. Poiché la perdita dell’udito legata all’età si verifica gradualmente, molti non si rendono conto che è successo. Pensano che gli altri stiano mormorando, o che sia colpa del rumore di fondo.  Alcuni negano la condizione perché temono di dover usare gli apparecchi acustici di grandi dimensioni dei tempi passati. Altri affermano che il medico di famiglia non ha mai menzionato nulla al riguardo. Qualunque sia la ragione per cui qualcuno confuti la realtà, l’ipoacusia inevitabilmente si ripercuote sulle attività quotidiane, sulle relazioni, persino sul benessere mentale e fisico di una persona.

Aiutare qualcuno ad accettare e ad agire in caso di perdita dell’udito:

1. Comunica i tuoi sentimenti
2.  Raggiungi gli altri
3. Cerca le opzioni di pagamento
4. Dai l'esempio
5. Condividi le informazioni sulle moderne soluzioni uditive
6. Racconta “storie di successo”
7. Chiediti, sono d'aiuto?
8. Incontra un audioterapista specializzato
9. Andate insieme
10 Trova, o forma, un gruppo di sostegno
11 Tieni duro.

Una nota speciale su morbo di Alzheimer e demenza

I risultati di uno dei maggiori studi, che ha avuto luogo di recente, indicano un legame comprovato tra ipoacusia non trattata e lo sviluppo del morbo di Alzheimer e della demenza. Diagnosticare e trattare l’ipoacusia in anticipo può aiutare a ritardare o prevenire il suo insorgere.

Poiché i sintomi della perdita dell’udito e del morbo di Alzheimer sono simili, è importante scartare la perdita dell’udito se il comportamento del tuo caro sta cambiando.

Infine, se al tuo caro è stato diagnosticato il morbo di Alzheimer e l’ipoacusia è presente, trattarla con apparecchi acustici può aiutare ad alleviare molti dei sintomi dell'Alzheimer.

Trova un audioprotesista vicino a te.

A Beltone, siamo specializzati nel far sentire i clienti che si recano per la prima volta al centro come se fossero a casa.
Richiedi un appuntamento
Consultazione apparecchi acustici Beltone

Articoli Correlati

Suggerimenti per la consulenza sull’ipoacusia non trattata

Non è mai troppo tardi per preservare il tuo udito. Ecco 10 modi in cui puoi limitare i danni all’udito e preservarlo.
Leggi i nostri suggerimenti

Domande comuni sull’ipoacusia

Abbiamo raccolto e risposto alle principali domande sulla perdita dell’udito.
Leggi le domande frequenti