Il legame tra ipoacusia e l'Alzheimer

Gli anziani con ipoacusia hanno maggiori probabilità di sviluppare l'Alzheimer o altre malattie neurologiche 

Il rischio di demenza aumenta per chi soffre di ipoacusia superiore a 25 dB. 

36 %

del rischio di demenza era associato all’ipoacusia per i partecipanti allo studio di età superiore ai 

60 anni

Le persone con ipoacusia da moderata a grave hanno una probabilità fino a 5 volte maggiore di sviluppare demenza. 

Secondo numerosi e importanti studi, gli anziani, soprattutto uomini ( il 69%), con ipoacusia hanno maggiori probabilità di sviluppare l'Alzheimer e la demenza, rispetto a quelli con udito normale. 

Il rischio aumenta se l'ipoacusia di una persona peggiora. 
Chi presenta un lieve deficit uditivo ha quasi il doppio delle probabilità di sviluppare demenza rispetto a chi ha un udito normale. Il rischio aumenta di tre volte per chi ha perdita uditiva moderata e di cinque volte per chi presenta una compromissione grave. 

Ipoacusia e Alzheimer: questi i numeri

  • Le persone con ipoacusia lieve (25 decibel) hanno quasi il doppio delle probabilità di sviluppare l'Alzheimer rispetto a quelle con udito normale 

  • Le persone con ipoacusia moderata hanno una probabilità tre volte maggiore di sviluppare l'Alzheimer 

  • Le persone con ipoacusia grave hanno una probabilità cinque volte maggiore di sviluppare l'Alzheimer 

  • Per ogni aumento di 10 decibel di ipoacusia, il rischio di avere l'Alzheimer sale al 20% . Per i partecipanti allo studio di età superiore ai 60 anni, il 36% del rischio di demenza era associato a ipoacusia. 

Molte persone che hanno una lieve ipoacusia, la ignorano. Fai il test dell'udito online: è un modo semplice e veloce per conoscere la tua capacità uditiva. 

Effettua il test dell'udito online

Come sono collegate l'ipoacusia e l'Alzheimer?

 Ancora non è chiaro quale sia il sottile filo rosso che lega queste due condizioni, ma ricerche recenti hanno dimostrato che non sentire bene accelera l’invecchiamento del cervello portando addirittura alla perdita di materia grigia. Sforzarsi per capire suoni e voci, infatti, genera un forte stress nel cervello e impoverisce quelle aree che sono legate al linguaggio e alla memoria operativa, le stesse coinvolte nell'insorgenza dell’Alzheimer.

Ipoacusia e isolamento sociale

Ipoacusia e Alzherimer hanno un terreno in comune: l'isolamento. Il Consiglio nazionale sull'invecchiamento (NCOA), in uno studio fatto su 2.300 adulti con ipoacusia, ha riscontrato che le persone con perdita d'udito non trattata, non solo sono destinate a peggiorare, ma ciò può portare all'isolamento e rifiuto sociale, irritabilità, rabbia, stress, depressione, declino cognitivo e danni alla memoria. Ecco perché l'ipoacusia tende a isolare la persona: meno si stimola il cervello, interagendo con il mondo circostante, più rapidamente rischierà di avere l'Alzherimer o altri disturbi cognitivi.


Gli apparecchi acustici possono essere d'aiuto?

Numerosi studi dimostrano che gli apparecchi acustici non solo migliorano l'udito di una persona, ma aiutano anche a preservarne l'indipendenza , le capacità mentali, la salute e la vita sociale. Una vita piena e felice mantiene attivo il  cervello.

Diagnosticare e trattare l’ipoacusia in anticipo può rallentare o arrestare la sua progressione. 

Gli apparecchi acustici possono aiutare chi ha l'Alzheimer

Il calo dell'udito non va ignorato, perché vivere con l'ipoacusia (anche se lieve) non può che danneggiare le funzioni cognitive, soprattutto nelle persone con Alzheimer, aggravandone la condizione. 


Gli apparecchi acustici possono aiutare ad alleviare i sintomi dell'Alzheimer e diversi stili sono facili da usare per una persona con disabilità cognitive. Uno studio dell'American Journal of Epidemiology ha rilevato che gli apparecchi acustici hanno rallentato il tasso di declino della memoria e migliorato la qualità della vita dei pazienti ipoacusici affetti da Alzheimer. 

Trova l'audioprotesista di fiducia!

L’ipoacusia è un problema di salute che potrebbe richiedere cure mediche, quindi è importante non ignorarlo. Se sospetti di avere o ti è stata diagnosticata l’ipoacusia, accettare la perdita d'udito e agire in anticipo può migliorare notevolmente la qualità della tua vita. Richiedi un appuntamento all'audioprotesista Beltone più vicino a te.

Richiedi un appuntamento

 

Potrebbe interessarti anche:

Il ruolo della persona di riferimento 

Come aiutare una persona cara che soffre di ipoacusia.
Scopri di più

Come affrontare l'ipoacusia?

Scopri come affrontare passo passo l'ipoacusia. 
Scopri di più

Farmaci e ipoacusia

Ci sono oltre 200 prodotti farmaceutici che possono avere degli effetti negativi sull'udito.

Scopri di più